IL VALORE DEL LAVORO

11096755_951880841489244_2080004059_n

Questo trafiletto è stato fotografato dalla rivista Cosmopolitan, siccome la foto è stata postata il 27 Marzo, immagino che sia stato pubblicato sull’ultimo numero della mensile.

Il trafiletto “invita” le lettrici a sfruttare i makeup artist delle varie aziende cosmetiche presenti nei negozi, al fine di avere un favoloso make up per una serata speciale, gratis.

Bene io sono una di quei makeup artist di una azienda cosmetica, presente nelle profumerie.

Sono una di quelle che ,11 anni fa, ha frequentato un corso a pagamento per 5 mesi, utilizzando tutti i suoi giorni di riposo per stare dalla mattina in un’aula con altre\i come  me, con la passione del trucco e della bellezza; sono una di quelle che oltre a lavorare durante le lezioni, si esercitava a casa obbligando amiche e parenti, alle volte il fidanzato, a farsi truccare pur di far pratica; una di quelle che la mattina rischiava di far tardi a lavoro, perchè il resto dei giorni lavoravo a tempo pieno, un lavoro che mi faceva guadagnare solo € 600 al mese e ne spendevo 350 per le lezioni,  per truccarsi di tutto punto e mettere in pratica ciò che aveva imparato; una di quelle che si compra con i suoi soldi, tutti i migliori prodotti delle migliori aziende e non  marche di bassa qualità da supermercato; una di quelle che tutt’oggi ama il suo lavoro e la sua professione: perchè sono una professionista e lavoro con passione.

E sapete cosa c’è? E’ offensivo venire trattati così!

Noi passiamo 8 ORE IN PIEDI 5 GIORNI A SETTIMANA senza possibilità di sederci se non quando siamo in pausa. Sorridiamo sempre, anche se ci girano vorticosamente, perché la prima cosa che ci viene insegnata è che i problemi si lasciano a casa, anche se ci sentiamo trattate male dalla clientela; arriviamo a fine serata con le gambe gonfie, la gola secca, desiderose solo di silenzio e di stare sedute.

Noi siamo lì per lavorare, non per fare la bella presenza. Il nostro lavoro è presentare prodotti, provare make up, vendere e sorridere anche quando su 10 persone che hai salutato solo una risponde al tuo saluto.

Per lavoro noi dobbiamo anche provare make up ma ciò non vuol dire che siamo lì per essere sfruttate da chi vuole un make up gratis. Preciso: il truccare una persona per uno specifico evento è un servizio che non rientra nel nostro lavoro di negozio, lì noi stiamo per vendere, e non sempre ci riesce, ma leggere che un autorevole giornale dice palesemente che possiamo essere sfruttati mi fa imbestialire!!!!

Il mio lavoro, la mia esperienza, la mia professionalità hanno un valore: se vuoi un make up per una serata lo paghi, perchè è un servizio e come tale va pagato, se no te lo fai da sola. Qui si confonde il lavoro con lo “sfruttamento” della disponibilità, della professionalità e anche della situazione di “inferiorità” in cui siamo sul lavoro: poichè potremmo essere obbligate a farlo quando in realtà non siamo tenute, nel caso specifico.

Qui non si parla di fare male il proprio lavoro, qui si tratta di non far passare la pessima idea che si possa sfruttare il lavoro di qualcuno senza pagarlo.

Questo articolo è stato postato su una pagina di FB alla quale sono iscritta, e mi approprio dell’ invito di una collega: perchè non sfogliare Cosmopolitan dal giornalaio piuttosto che comprarlo? Non sarebbe la stessa cosa dell’invito allo scrocco dell’ autore del trafiletto sulla rivista????

Annunci

2 Pensieri su &Idquo;IL VALORE DEL LAVORO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...